Running, corsa, training:

Mail info@purosanguetraining.eu

Quanto durano le scarpe da nunning?

Tutti i podisti si interrogano sul fatto di quando bisogna cambiare le scarpe da running. In questi casi è importante capire bene quando è giunto il momento di doverle sostituire, sapendo da quali elementi si può capire quando si devono cambiare in modo tale da evitare determinate problematiche di salute. È indispensabile non solo per la prestazione, ma per la propria incolumità, per prevenire infortuni sulla corsa ed anche per  sostituire le proprie calzature da corsa al momento giusto.

Per quale motivazione si devono cambiare le scarpe running

La sostituzione delle scarpe da corsa si effettua non soltanto per via del lato estetico, visto che generalmente quest’aspetto è facilmente risolvibile mediante una minuziosa pulizia (ricordate che le scarpe da running non vanno mai in lavatrice). Il cambio delle scarpe running è fondamentale per una buona salute dei piedi e della colonna vertebrale.

Questo poiché col trascorrere del tempo la copertura di questa tipologia di scarpe comincia ad avere dei cedimenti, pertanto la solidità della scarpa subisce una compromissione e ciò comporta il fatto di dover cambiare le calzature.

Questo è un passaggio importantissimo che non si può assolutamente sottovalutare, in quanto una scarpa troppo consumata potrebbe provocare dei danni all’arco plantare. In aggiunta dovete tener ben presente che più a lungo si effettuano corse con scarpe running rovinate, superiore diventa il pericolo di provocare problematiche al proprio fisico e alla salute e quindi può portarvi all’infortunio.

La durata delle scarpe da running 3 fattori essenziali

Solitamente le scarpe da corsa durano dai 450 fino agli 800 chilometri. Poi cominciano a deteriorarsi. Certamente un podista che corre abitualmente ogni giorno svolgendo allenamenti quotidiani per svariate ore, automaticamente avrà necessità di cambiare le proprie scarpe con molta più frequenza. Ciò rispetto a qualcuno che, invece, va a correre sporadicamente e per divertimento anziché per lavoro.

La durata delle scarpe running dipende da più fattori, quindi è fondamentale prestare molta attenzione a questi elementi per poter così capire quando giunge il momento di dover fare la sostituzione delle scarpe.

Pertanto quando si parla di stabilire la durata di tali calzature, si devono automaticamente considerare come minimo tre fattori essenziali: il genere di percorso da fare, la costituzione che ha il podista e infine lo stile della corsa che deve svolgere.

1.Il percorso da fare per allenarsi

Molte scarpe da corsa sono state ideate per un certo genere di percorso, come quello basato sull’asfalto o un itinerario in montagna.

Spesso i runner hanno l’abitudine di fare più percorsi differenti uno dall’altro. Questa consuetudine comporta un’usura delle scarpe non uniforme. Conseguentemente in tali circostanze è preferibile scegliere un tipo di scarpa idoneo per ambienti diversificati.

Ormai è risaputo che dovremmo avere differenti scarpe per  running su: asfalto, pista e strada, nonché diverse scarpe per i diversi lavori da svolgere. Ad esempio una scarpa comoda e ammortizzata per gli allenamenti lunghi e una scarpa leggera e veloce per gli allenamenti di velocità.

2. Il tipo di corsa

Il genere di appoggio del piede è un elemento importante, perché la parte inferiore della scarpa fa capire il punto maggiormente rovinato tra la parte anteriore, la centrale e il tacco. Questa fondamentale informazione permette d’individuare il modello maggiormente adeguato alle proprie esigenze.

3. La costituzione del podista

La conformazione fisica del podista influisce sulla durata delle scarpe in base al peso, all’altezza e ad altri particolari fisici e comportamentali. Ne consegue che una corporatura più pesante causerà un’usura più rapida delle calzature, rispetto a una figura più magra.

Altre variabili  da considerare

Una scarpa è composta da elementi deteriorabili, quindi dobbiamo capire se alcune condizioni stanno influendo sulle scarpe: se ad esempio le scarpe hanno preso umidità, se sono state lasciate al sole, da quanti anni le abbiamo.

Infine occhio ai dolori! Se avvertiamo un piccolo dolore o fastidio in qualsiasi parte della gamba o ginocchio , proviamo a correre con un altro paio di scarpe!

close

News sul running!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *